MUORE IL PRINCIPE FILIPPO

 

11 Dicembre 2020 – E’ morto il principe Filippo, marito della Regina Elisabetta d’Inghilterra. Quasi cento anni di vita, un matrimonio durato 70 anni. Il mondo, nei giorni scorsi, si è fermato e i mass media, per una volta, non hanno parlato solo di Covid.In Europa siedono sul trono ben sette famiglie reali eppure sfido chiunque a ricordarsi i nomi, i ruoli e le vicissitudini di quelli che non appartengono ai regnanti del Regno Unito. Fatta eccezione, per ragioni di riflettori puntati, sui regnanti del piccolo e lussuoso Principato di Monaco.

Da sempre ogni piccolo grande scandalo che riguarda la famiglia dei Windsor tiene incollati davanti ai rotocalchi o alla tv milioni di Italiani. Come scordare le immagini del matrimonio di Lady Diana, trasmesso praticamente a reti unificate. In quanti di voi hanno letto le notizie che parlavano del rapporto travagliato con il principe Carlo e chi non conosce la famigerata Camilla?

La morte di Diana è stato uno shock per il mondo intero, ed è stata capace di rilegare al secondo posto la morte di uno dei personaggi più belli e importanti dei nostri tempi: Madre Teresa di Calcutta.

Una grande curiosità che parte dall’aspetto riservato, soprattutto della regina, che appare solo in occasioni ufficiali e la curiosità, forse, di sapere cosa succede dietro le quinte

Oggi a tenere banco sono i nipoti. Carlo, il principe che forse non diventerà mai Re, che finalmente, e con discrezione, è riuscito a sposare il suo grande amore, è completamente all’ombra dei due figli. Il primo, secondo nella linea di successione, che appare preciso, responsabile, sorridente, affabile con accanto una moglie da etichetta, perfetta e con due figli regali nei modi anche a pochi anni di età.

Poi c’è l’altro fratello, quello che per molti è l’esatta copia di Diana al maschile, Henry. Molto meno perfetto, molto più sensibile, ribelle e che ha deciso di sposare un’attrice americana e mulatta.

Sembra quasi che tutte queste storie ci riguardino, ma se ci si pensa, appartengono a un altro Paese, peraltro culturalmente, geograficamente e politicamente lontano da noi. Allora perché spesso ci troviamo a parlare e discutere sulla moglie di Henry e sul suo essere (dipende dalle fazioni) o un’arrivista, o semplicemente una donna forte con una grande personalità.

Per settimane su molti network italiani ci si è domandati se il principe si sia fatto abbindolare, se effettivamente a corte fossero razzisti o semplicemente reazionari.

Oggi muore il marito della regina. Sposati giovanissimi, si sono ritrovati ben presto (più lei che lui in effetti) a dover prendersi sulle spalle tutta la responsabilità della corona. Una responsabilità più morale che legale ma sicuramente pesantissima da portare avanti, per decenni.

E lui, il marito, il consorte, è sempre stato costretto a stare un passio indietro, ad essere discreto. 

Mi domando, quando penso a tutti loro: ma come sarà davvero la vita a corte? Il nostro interesse arriva dalle fantasie di re, principi, principesse, palazzi, castelli, corone gioielli vestiti. Ma la vita a corte, nel concreto, è davvero così invidiabile?

 

COSA NE PENSO IO

MAI LA NOSTRA CURIOSITA’

 

11 Dicembre 2020 – E’ morto il principe Filippo, marito della Regina Elisabetta d’Inghilterra. Quasi cento anni di vita, un matrimonio durato 70 anni. Il mondo, nei giorni scorsi, si è fermato e i mass media, per una volta, non hanno parlato solo di Covid.In Europa siedono sul trono ben sette famiglie reali eppure sfido chiunque a ricordarsi i nomi, i ruoli e le vicissitudini di quelli che non appartengono ai regnanti del Regno Unito. Fatta eccezione, per ragioni di riflettori puntati, sui regnanti del piccolo e lussuoso Principato di Monaco.

Da sempre ogni piccolo grande scandalo che riguarda la famiglia dei Windsor tiene incollati davanti ai rotocalchi o alla tv milioni di Italiani. Come scordare le immagini del matrimonio di Lady Diana, trasmesso praticamente a reti unificate. In quanti di voi hanno letto le notizie che parlavano del rapporto travagliato con il principe Carlo e chi non conosce la famigerata Camilla?

La morte di Diana è stato uno shock per il mondo intero, ed è stata capace di rilegare al secondo posto la morte di uno dei personaggi più belli e importanti dei nostri tempi: Madre Teresa di Calcutta.

Una grande curiosità che parte dall’aspetto riservato, soprattutto della regina, che appare solo in occasioni ufficiali e la curiosità, forse, di sapere cosa succede dietro le quinte

Oggi a tenere banco sono i nipoti. Carlo, il principe che forse non diventerà mai Re, che finalmente, e con discrezione, è riuscito a sposare il suo grande amore, è completamente all’ombra dei due figli. Il primo, secondo nella linea di successione, che appare preciso, responsabile, sorridente, affabile con accanto una moglie da etichetta, perfetta e con due figli regali nei modi anche a pochi anni di età.

Poi c’è l’altro fratello, quello che per molti è l’esatta copia di Diana al maschile, Henry. Molto meno perfetto, molto più sensibile, ribelle e che ha deciso di sposare un’attrice americana e mulatta.

Sembra quasi che tutte queste storie ci riguardino, ma se ci si pensa, appartengono a un altro Paese, peraltro culturalmente, geograficamente e politicamente lontano da noi. Allora perché spesso ci troviamo a parlare e discutere sulla moglie di Henry e sul suo essere (dipende dalle fazioni) o un’arrivista, o semplicemente una donna forte con una grande personalità.

Per settimane su molti network italiani ci si è domandati se il principe si sia fatto abbindolare, se effettivamente a corte fossero razzisti o semplicemente reazionari.

Oggi muore il marito della regina. Sposati giovanissimi, si sono ritrovati ben presto (più lei che lui in effetti) a dover prendersi sulle spalle tutta la responsabilità della corona. Una responsabilità più morale che legale ma sicuramente pesantissima da portare avanti, per decenni.

E lui, il marito, il consorte, è sempre stato costretto a stare un passio indietro, ad essere discreto. 

Mi domando, quando penso a tutti loro: ma come sarà davvero la vita a corte? Il nostro interesse arriva dalle fantasie di re, principi, principesse, palazzi, castelli, corone gioielli vestiti. Ma la vita a corte, nel concreto, è davvero così invidiabile?

 

LE DOMANDE

  • Perché ci interessano tanto le vicende di Casa Windsor?
  • Come vi immaginate la vita a corte?
  • Che ruolo dovrebbe avere un sovrano oggi?

MAI LA NOSTRA CURIOSITA’

VOI COSA NE PENSATE?

Perché ci interessano tanto le vicende della Casa Windsor? – Come vi immaginate la vita a corte? – Che ruolo dovrebbe avere un sovrano oggi?