Globalizzazione dei Valori?

Da: ECONOMIA: Accordo RCEP

Cosa ci ha portato la globalizzazione?

Benessere ad alcuni e disastro ad altri. A aumentato la competizione economica e dei valori portati avanti da i diversi paesi. Le fasci più deboli nei paesi ricchi si sono impoverite mentre si e creata una classe media e ricca nei paesi precedentemente poveri.

Quali possono essere, oggi, le conseguenze del protezionismo?

Distorsione del mercato sfavorendo la competizione tra imprese. Protegge le imprese locali e danneggia quelle capaci di esportare.

Perché un'Europa unita può competere meglio che i singoli Stati?

Può trattare ad armi pari con le altre potenze del mondo come la Cina e li Stati Uniti per ottenere accordi commerciali più favorevoli per le proprie imprese. Come singoli stati ci faremmo concorrenza tra di noi favorendo gli stati più forti.

Riflessioni libere

Quello che mi preoccupa della globalizzazione è l'annacquamento dei diritti sociali nei paesi più ricchi mentre nei paesi emergenti (che hanno guadagnato maggiormente dall'apertura dei mercati) non hanno fatto grossi progressi in questo ambito. Non è mai facile competere con aziende che schiavizzano i propri dipendenti o che sono aiutati dal proprio stato. Accordi di libro scambio dovrebbero essere fatti tra stati con ideali più simili.

1 commento
  1. Beatrice - Cosanepensate dice:

    Intanto grazie di avere preso il tempo per rispondere. E’ interessante, non avevo notato l’impoverimento delle fasce deboli dei paesi ricchi mentre invece le classi medie dei paesi più poveri si sta arricchendo. Sarebbe davvero interessante volesse sviluppare di più questo punto. E vorrei chiedere, perché me lo domando anche io: per il benessere generale del nostro paese, è meglio dare la priorità alla protezione delle imprese locali o spingere di più su quelle che possono esportare? E perché? Grazie mille e spero che vorrà dedicarci ancora un po’ di tempo.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.