Ascoltate questi ragazzi!

Da: Bocciatura: Punizione? Opportunità?

La bocciatura è sempre una punizione, o può essere un'opportunità?

Può assolutamente essere un’opportunità. Io capisco i genitori che vogliono evitarla per i propri figli. Ma non capisco l’irresponsabilità dei professori che non trovano il coraggio di fare ciò che sarebbe più giusto e soprattutto più utile per i loro allievi.

Decisioni importante devono esser prese solo dalla scuola, o parlandone con i genitori?

Devono decidere insieme. Ma non solo con i genitori, anche con i ragazzi.

Anticipatari: vale la pena finire un anno prima?

Non serve a niente, e ve lo dico per esperienza. Ero anticipatario pure io,. Sono stati anni in cui mi sono sentito solo, insicuro, e oggi sono consapevole di essermi perso tante esperienze che si sarebbero dovute fare in quegli anni.

Far studiare un ragazzo un anno prima serve solo ai genitori per potersi vantare: "mio figlio ha finito prima degli altri" e questo è prova di grande egoismo, di un narcisismo vergognoso. Perché a pagarlo sono i ragazzi.

Riflessioni libere

Vorrei dire ai genitori di lottare per fargli ripetere l’anno. Non potete sapere cosa darei per poter tornare indietro e rifare tutto il percorso all'età giusta.

1 commento
  1. Beatrice - Cosanepensate dice:

    Grazie mille della sua testimonianza.

    Sono argomenti importanti. Ho letto poco fa un articolo di una madre che criticava la scuola per la bocciatura della figlia, dicendo, anche giustamente, che il covid non ha aiutato i ragazzi, per cui questa “punizione” non sarebbe stata giusta.

    La cosa davvero interessante sono i commenti dopo questo articolo. Praticamente tutti dicono che invece, nei loro casi, la bocciatura che, sul momento è stata percepita come un fallimento, in realtà è stata la salvezza.

    Andare avanti impreparati rende tutto non solo più difficile, ma fa arrivare alla fine senza quelle basi solide che davvero aiutano nel futuro.

    Quello che non capisco è come i professori non abbiano questa consapevolezza, e che non vogliano aiutare genitori e studenti a vedere questa non come una punizione, ma come la possibilità di ripartire ed avere, negli anni successivi, anche una migliore percezione di sé, delle proprie capacità.

    Lasciare un ragazzo arrancare per anni, lascia al ragazzo una percezione di di mediocrità. Tutti sbagliano, tutti possono passare un periodo nero, ma questo non lo si dovrebbe far pagare per la vita.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.