MIRACOLO IN FORMULA 1

di Beatrice Negrotto Cambiaso

L’EDITORIALE

30 Novembre 2020 – Ieri ero davanti alla televisione con mio figlio a guardare la Formula 1. Mi piace molto, anche se non ne capisco tanto. Q1, Q3… Però mi piace sentire il rombo dei motori. L’emozione delle partenze, quei semafori rossi che si accedono uno dopo l’altro, poi finalmente si spengono.

Partono. E in  in quel momento si percepisce la potenza di quelle auto, e ci si immagina l’adrenalina dei piloti, che devono, in quei primi secondi, cercare di recuperare posizioni, superare in mezzo a tutte le macchine ancora appiccicate.

Io tifo per il “bimbo” Leclerc. Quindi ero lì, concentrata sulla “rossa”, sperando di vederlo superare. Dopo poche curve, sempre con lo sguardo rivolto in avanti, con la coda dell’occhio vedo un’auto schiantarsi contro il guardrail e prendere fuoco. Non qualche fiamma. La macchina è scoppiata.

Ci siamo ritrovati con mio figlio con le mani davanti alla bocca, gli occhi sgranati, urlando. Ovviamente le telecamere si sono spostate. Siamo rimasti lunghissimi minuti in attesa. Le probabilità che il pilota fosse ancora in vita sembravano quasi inesistenti considerando l’immagine che avevamo appena visto. I commentatori cercavano di dire parole di speranza , ma si sentiva che, pure loro, ne avevano poca.

Poi, l’immagine di Romain Grosjean in piedi, sorretto da due uomini della sicurezza, barcollante, andare verso l’ambulanza. Un sospiro di sollievo, l’angoscia che piano piano va scemando. Ho continuato a tremare per un bel po’.

Faccio questa storia solo perché è finita bene. Fosse andata male, probabilmente non l’avrei fatto, soprattutto non avrei condivido le immagini, che invece vi lascio con questo link. Dovete copiare il link e incollare su youtube. Non permettono di visualizzarlo da un altro sito.

https://www.youtube.com/watch?v=ZQ7_En2xEm4

Ne parlo perché le immagini sono spettacolari. La paura, il terrore, e poi l’incredulità nel vedere quest’uomo uscire dalle fiamme, saltar fuori e salvarsi la vita.

Voglio quindi parlarne con voi e porvi qualche domanda:

LE DOMANDE PER VOI

  • Riflessioni libere
  • Cosa avete provato vedendo quelle immagini?
  • E’ giusto rischiare di morire per uno sport?
  • Voi credete nei miracoli?

MIRACOLO IN FORMULA 1

LE DOMANDE PER VOI

  • Riflessioni libere
  • Cosa avete provato vedendo quelle immagini?
  • E’ giusto rischiare di morire per uno sport?
  • Voi credete nei miracoli?

LE VOSTRE OPINIONI

30 Novembre 2020 – Ieri ero davanti alla televisione con mio figlio a guardare la Formula 1. Mi piace molto, anche se non ne capisco tanto. Q1, Q3… Però mi piace sentire il rombo dei motori. L’emozione delle partenze, quei semafori rossi che si accedono uno dopo l’altro, poi finalmente si spengono.

Partono. E in  in quel momento si percepisce la potenza di quelle auto, e ci si immagina l’adrenalina dei piloti, che devono, in quei primi secondi, cercare di recuperare posizioni, superare in mezzo a tutte le macchine ancora appiccicate.

Io tifo per il “bimbo” Leclerc. Quindi ero lì, concentrata sulla “rossa”, sperando di vederlo superare. Dopo poche curve, sempre con lo sguardo rivolto in avanti, con la coda dell’occhio vedo un’auto schiantarsi contro il guardrail e prendere fuoco. Non qualche fiamma. La macchina è scoppiata.

Ci siamo ritrovati con mio figlio con le mani davanti alla bocca, gli occhi sgranati, urlando. Ovviamente le telecamere si sono spostate. Siamo rimasti lunghissimi minuti in attesa. Le probabilità che il pilota fosse ancora in vita sembravano quasi inesistenti considerando l’immagine che avevamo appena visto. I commentatori cercavano di dire parole di speranza , ma si sentiva che, pure loro, ne avevano poca.

Poi, l’immagine di Romain Grosjean in piedi, sorretto da due uomini della sicurezza, barcollante, andare verso l’ambulanza. Un sospiro di sollievo, l’angoscia che piano piano va scemando. Ho continuato a tremare per un bel po’.

Faccio questa storia solo perché è finita bene. Fosse andata male, probabilmente non l’avrei fatto, soprattutto non avrei condivido le immagini, che invece vi lascio con questo link. Dovete copiare il link e incollare su youtube. Non permettono di visualizzarlo da un altro sito.

https://www.youtube.com/watch?v=ZQ7_En2xEm4

Ne parlo perché le immagini sono spettacolari. La paura, il terrore, e poi l’incredulità nel vedere quest’uomo uscire dalle fiamme, saltar fuori e salvarsi la vita.

Voglio quindi parlarne con voi e porvi qualche domanda: